Punto d’incontro tra cielo e terra

Share Button

cb52L’enorme profilo del Massiccio del Pollino sale verso il cielo oltre i duemila metri. E’ la più alta quota della regione. Agli Achei delle antiche colonie joniche della Magna Grecia doveva apparire dalla costa un po’ come l’Olimpo della madrepatria, con quella sua mastodontica sagoma, punto d’incontro fra cielo e terra, dimora degli dei che popolavano quel loro affascinante mondo mitologico.

cb54Pare, infatti, almeno secondo alcuni studiosi, che furono proprio gli Achei di Sibari a dare al Massiccio del Pollino il suo nome, da Mons Apollineum, Monte di Apollo, proprio perché elessero il gigante montuoso dimora di uno fra gli dei più amati e per loro significativi, il figlio di Zeus, appunto. Ed è a sua volta dal Massiccio del Pollino, di cui fanno parte svariate vette sopra i duemila metri,


cb53che deriva il suo nome il PARCO NAZIONALE DEL POLLINO, il più esteso d’Italia con i suoi 192 mila ettari, scrigno di incredibili bellezze naturalistiche e grandi contrasti paesaggistici che lo rendono uno dei più interessanti e straordinari del Belpaese.
Istituito nel 1993, abbraccia due regioni, la Basilicata appunto e la Calabria, e tre province, Potenza, Matera e
cb55

Cosenza, e si estende praticamente dal versante tirrenico, più lussureggiante e selvaggio intorno ai Monti dell’Orsomarso, a quello più brullo e dalle forme più maestose che via via si avvicina verso lo Jonio. Una perla naturalistica incastonata nel cuore del Mediterraneo.

Posted in Parco Pollino
Translate »