A Vaglio il mistero dell’autoritratto che sembra ricondurre al genio leonardesco

Share Button

download (24)Da cinquecento anni Leonardo da Vinci continua ad affascinare  e creare enigmi, molti dei quali ancora irrisolti. Come quello intorno a cui si è ultimamente mobilitato il mondo artistico e scientifico che potrebbe rivelarsi un’importantissima scoperta sul genio toscano . Si tratta di un olio su tavola, custodito nel Museo delle Antiche Genti di Lucania di di Vaglio (Pz), delel dimensioni 60 x 44 centimetri ritrovato in un casale lucano di un’antica famiglia campana e ritenuto finora un ritratto di Galileo. In realtà secondo alcuni studiosi sarebbe, invece, un autoritratto del grande genio leonardesco.download (25) Il quadro raffigura il Maestro  di tre quarti con il cappello, come il cosiddetto Autoritratto degli Uffizi, ritenuto tale fino al 1938, quando una radiografia smentì definitivamente quella tesi. Ad avvalorare, invece, la paternità leonardiana del quadro lucano  diversi elementi fra cui la firma “Pinxit Mea”(dipinto da me), che da studi grafologici parrebbe compatibile con quella del genio toscano, e anche i primi studi al microscopio confermerebbero la compatibilità di periodo di realizzazione, materiali e pigmenti utilizzati, gli stessi usati da Leonardo in altre opere a lui attribuite . Ulteriori indagini scientifiche sono in corso per verificarne l’autenticità e per ora, nell’attesa della verità, resta il fascino di un altro dei tanti enigmi lasciati al mondo da Leonardo.

Posted in Potenza e dintorni
Translate »